Cerca nel portale

Regioni

Regione Valle D'Aosta Regione  Piemonte Regione Lombardia Regione  Trentino Alto Adige Regione Veneto Regione  Liguria Regione Emilia Romagna Regione Toscana Regione Umbria Regione Marche Regione Lazio Regione  Abruzzo Regione  Basilicata Regione Campania Regione Molise Regione Puglia Regione Calabria Regione Sicilia Regione Friuli Venezia Giulia Regione Sardegna

AREA SOCI

Albania, l'Italia sostiene Sharra sulla gestione dei rifiuti

Attenzione: apre in una nuova finestra. StampaEmail

Fonte: Il Velino

In Albania è stato completato il progetto “Da rifiuti a risorse. Attività di sensibilizzazione per la comunità di Sharra: prospettive future”, finanziato dalla direzione generale per la Cooperazione allo sviluppo (Dgcs) della Farnesina in collaborazione con la Municipalità di Tirana e con la partecipazione di tre Ong albanesi (Arsis, Fbsh e Fida). Per celebrare l’evento è stata organizzata una conferenza il 23 marzo a Tirana, presso il Centro Ten (ex cinema Dajti), per presentare i risultati finali del progetto. Questo è correlato agli interventi di potenziamento e messa in sicurezza della discarica di Sharra, nella periferia di Tirana, che la Cooperazione italiana porta avanti dal 2007 con un finanziamento a credito d’aiuto di sei milioni di euro, in collaborazione con il ministero dei Lavori pubblici e dei trasporti e la Municipalità di Tirana.

L’intervento mira alla riduzione del rischio ambientale e sanitario derivante dall’inadeguata gestione del sistema di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi nella capitale albanese e si prepone anche di migliorare le capacità gestionali, tecniche e organizzative del personale preposto alla raccolta e il trasporto dei rifiuti solidi urbani.

Il progetto di sensibilizzazione si rivolge alla comunità Rom che vive e lavora nei pressi di Sharra, la cui principale, se non unica forma di sostentamento è legata alla raccolta, differenziazione e vendita dei rifiuti della discarica. Tale attività è realizzata senza alcuna organizzazione, coinvolgendo direttamente e indiscriminatamente uomini, donne e bambini e in assenza di precauzioni contro i danni alla salute derivanti dalla pericolosità di alcuni rifiuti. Per ovviare a questa situazione, la Cooperazione italiana, avvalendosi dell’aiuto di mediatori culturali specializzati, ha condotto uno studio-ricerca per approfondire la conoscenza delle famiglie Rom che vivono a Sharra e nello specifico di quei soggetti che quotidianamente si recano nella discarica per raccogliere i rifiuti. Le informazioni raccolte hanno contribuito a tracciare un quadro preciso delle persone che vivono nei pressi della discarica, permettendo di stilare una serie di raccomandazioni per migliorare le loro condizioni sociali, economiche e sanitarie, e in generale delle persone coinvolte nelle attività di riciclaggio, anche in vista di interventi futuri.

In concomitanza, è stata predisposta una campagna di informazione e sensibilizzazione, rivolta in particolare ai minori, sui rischi legati all’attività di raccolta dei rifiuti, sulle possibilità derivanti dal riciclaggio, e più in generale sul lavoro minorile, la salute e l’ambiente. Da gennaio a marzo sono stati tenuti numerosi incontri formativi e focus group che hanno coinvolto circa 500 bambini provenienti dalla comunità di Sharra e da altri quartieri periferici di Tirana (Kinostudio e Stazione). Durante le attività di formazione e animazione, i bambini hanno realizzato dei lavori a mano che sono stati esposti in una piccola mostra il giorno del workshop.