Cerca nel portale

Regioni

Regione Valle D'Aosta Regione  Piemonte Regione Lombardia Regione  Trentino Alto Adige Regione Veneto Regione  Liguria Regione Emilia Romagna Regione Toscana Regione Umbria Regione Marche Regione Lazio Regione  Abruzzo Regione  Basilicata Regione Campania Regione Molise Regione Puglia Regione Calabria Regione Sicilia Regione Friuli Venezia Giulia Regione Sardegna

AREA SOCI

PMSP - Palestinian Municipalities Support Program

Attenzione: apre in una nuova finestra. StampaEmail


ALI DELLA COLOMBA - PMSP
PROGRAMMA DI SOSTEGNO ALLE MUNICIPALITA’ IN PALESTIN
A



Il Programma di sostegno alle Municipalità Palestinesi (in Italia denominato anche Ali della Colomba) si configura come contributo italiano, finanziato dalla DG Mediterraneo e Medio Oriente del Ministero degli Affari Esteri italiano - in sinergia con gli interventi di Banca Mondiale, Unione Europea ed altri donatori - destinato al rafforzamento delle capacità tecniche, amministrative e gestionali degli enti locali palestinesi in due Governatorati (Hebron e Betlemme), nell’area di Gerusalemme Est e nella Striscia di Gaza. Il Programma consiste nell’approvazione e realizzazione di progetti di cooperazione di enti locali palestinesi in partenariato con omologhi italiani. Il Programma conta su uno stanziamento di 25 milioni di euro. Dopo una fase di stallo nel biennio 2006/2007, il Programma ha ripreso un ritmo normale. Il Programma tiene conto di un rapporto organico tra il Ministero degli Affari Esteri e gli Enti Regionali e Locali italiani (ERLI). Le istituzioni locali palestinesi e gli altri attori sociali coinvolti sono allo stesso tempo beneficiari del progetto e vi partecipano come controparti degli EE.LL Italiani. Il Programma si avvale di una struttura tecnico-politica così articolata: una propria struttura tecnica con sede a Gerusalemme (ITAU, attualmente diretto dall’Arch. Antonio La Rocca); un Tavolo di coordinamento (il Tavolo 4+1) tra il Ministero degli Affari Esteri (DGMM) e gli Enti Regionali e Locali Italiani (ERLI) per la definizione delle linee direttrici politiche dal lato italiano e per il monitoraggio; vi partecipa anche la DGCS; un coordinamento delle Associazioni degli Enti Regionali e Locali (il c.d Tavolo a 4) composto da ANCI, UPI, Regioni, Consigli Regionali; infine un Portavoce Unico degli Enti Italiani (è in carica il Dr. Paolo Ricci).

Aggiornamenti

 

13 giugno 2017

Il Sindaco di Betlemme, Anton Salman, ha inviato una lettera di ringraziamento al Direttore Generale dell'OICS, Mario Gay, per il lavoro svolto nel corso del PMSP.


18 dicembre 2015

Verbale TAVOLO 4+1 del 2 dicembre 2015


20 ottobre 2014

Lunedì 20 ottobre 2014 a San Casciano Val di Pesa ( in Provincia di Firenze) si è svolto un importante incontro tra il Sindaco Pescini e il Sindaco di Battir, Municipalità della Palestina,  Dr. Akram Bader, al fine di individuare un percorso che possa portare, in tempi brevi, ad un patto d'amicizia tra le due comunità territoriali. Al temine della procedura di autorizzazione dell'accordo internazionale decentrato prevista dal nostro Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI),  i due comuni utilizzeranno il patto d'amicizia per avanzare proposte progettuali comuni nell'ambito del Programma PMSP, dedicato al rafforzamento istituzionale delle municipalità palestinesi in collaborazione con la cooperazione decentrata di regioni e comuni italiani. All'incontro era presente il Portavoce del sistema regionale e locale italiano, dott. Paolo Ricci.

17 marzo 2014

Lo scorso 10 marzo 2014 si è svolto presso il Ministero del Local Government di Ramalla, la quinta sessione dello Steering Committee del programma di cooperazione italo-palestinese Palestinian Municipalities Support Program - PMSP.

Nel corso dell’incontro sono stati approvati progetti per un importo complessivo di circa 2.900.000 euro. La delegazione italiana era composta dal Console Generale, il Portavoce degli Enti locali italiani nel PMSP, dott. Ricci, il direttore del Programma, Arch. La Rocca, mentre quella palestinese, oltre al Vice Ministro del Local Government, Eng. Mazem Ghonim, ha visto la presenza dei rappresentanti dei Ministeri Palestinesi del Planning e delle Finanze.

Tra gli argomenti discussi sono da evidenziare:
• La strategia d’intervento del Programma nei suoi Settori istituzionali d’intervento, nelle Aree geografiche della sua azione a supporto degli Enti locali palestinesi e nella estensione temporale della sua azione. Lo Steering Committee ha accolto ufficialmente la positiva valutazione espressa nel corso dell’ultima riunione del Tavolo 4+1, svoltosi a Roma lo scorso 13 settembre 2013, dell’estensione delle attività del PMSP fino al 31 dicembre 2015. Su richiesta del Ministro del Local Government saranno valutate con maggiore attenzione da parte del PMSP possibili future iniziative a supporto degli Enti locali palestinesi ricadenti nei Governatorati del Centro e del nord della Palestina.

• La necessità di convocare nei Territori palestinesi una conferenza/incontro fra rappresentanti di Enti Locali Palestinesi ed Italiani per valorizzare le attività di cooperazione svolte nell’ambito della Cooperazione decentrata e del programma PMSP in particolare. Il Ministero del Local Government ha espresso nuovamente grande interesse per lo svolgimento di questa iniziativa, che segue quella promossa in Italia dalla Regione Umbria a gennaio del 2011, ed ha confermato la disponibilità a contribuire all’organizzazione della stessa.

• L’approvazione di proposte progettuali per un importo complessivo di circa 2.900.000,00 Euro di cui Contributo PMSP Euro 1.720.760,50 59% Contributo Enti Locali Italiani Euro 689.348,00 24% Contributo Ente Locale Palestinese Euro 493.048,00 17%
In allegato: dettaglio dei progetti ufficialmente approvati

• Si è proceduto per ultimo a una preliminare valutazione di un nutrito gruppo di proposte progettuali, che sono in corso di finale elaborazione da parte di Enti locali palestinesi e italiani, e che potranno essere poste all’attenzione di una prossima sessione dello Steering Committee del PMSP per una loro formale approvazione e finanziamento.Nel frattempo devo essere finalizzati i relativi partenariati tra Enti locali italiani e Enti locali palestinesi.

 

11 febbraio 2014

Il 31 gennaio si è svolta al Ma’mal, centro culturale palestinese in Città Vecchia a Gerusalemme, la cerimonia di conclusione del progetto “Getsemani, conservare il passato e formare il futuro”, iniziato nel 2011 con la collaborazione tra Gerusalemme ed il Comune di Rovereto nell’ambito del Programma di Sostegno alle Municipalità Palestinesi, PMSP.

Lo scopo era il restauro musivo della Chiesa delle Nazioni (detta anche Getsemani), con una particolare attenzione al coinvolgimento della comunità locale: sei giovani di Gerusalemme sono stati infatti formati al restauro dei mosaici e 1500 bambine sono state portate in visita alla Basilica e al cantiere.

In questo modo si è cercato di accrescere il legame dei giovani con il proprio territorio e di insegnare loro la valorizzazione delle ricchezze storiche e artistiche della questa città.

Un obiettivo ampiamente raggiunto che ha visto il suo coronamento con la consegna dei certificati ai sei ragazzi palestinesi - tre ragazzi e tre ragazze - alla presenza dell’ambasciatore palestinese della Santa Sede Aissa Kassissieh, del Console Italiano Elena Clemente, del sindaco di Rovereto Andrea Miorandi, del Vicereggente dell’Associazione Campana dei Caduti Lorenzo Saiani, dell’economo della Custodia di Terra Santa fra Ibrahim Faltas, del sindaco di Bronzolo Benedetto Zito e di Carla Benelli e Osama Hamdan, coordinatori del progetto per ATS pro Terra Sancta e per il Mosaic Centre Jericho.

Tutte le autorità presenti hanno sottolineato lo storico legame tra l’Italia e la Terra Santa, nel segno della cooperazione, con lo sguardo rivolto sia al passato, per la tutela dei beni artistici, che al futuro, formando e sensibilizzando i giovani palestinesi alla cultura del bello, come educazione alla pace.

Il progetto prevede una nuova fase di svolgimento, che riguarderà nei prossimi mesi la chiesa del Dominus Flevit, e che vedrà la partecipazione del comune di Bronzolo.



31 ottobre 2013

VESTITI, GIOIELLI E TRADIZIONI DALLA PALESTINA

Raffinati gioielli, abiti finemente ricamati e amuleti: sono i tesori del Dar Al-Tifel Al-Arabi Museum, storica istituzione culturale araba di Gerusalemme est che da poco più di un anno ha ripreso la sua attività.

La mostra, organizzata dall’Istituzione Centro Nord-Sud in collaborazione con il Museo Dar Al-Tifel, la Regione Toscana e la Provincia di Firenze, sarà ospitata nelle Sale espositive di Palazzo Medici Riccardi in via de’ Ginori 14 a Firenze e sarà aperta al pubblico dal 5 al 29 novembre.

L’inaugurazione è prevista per lunedì 4 novembre alle ore 16 nei locali della mostra.

Intervengono:
Andrea Barducci; Presidente Provincia di Firenze
Maria Dina Tozzi, Dirigente attività internazionali Regione Toscana
Graziano Turini, Assessore con delega alle politiche per lo sviluppo delle attività economiche, rete dei poli tecnologici, partecipazioni societarie Provincia di Pisa
Paolo Ricci, portavoce sistema istituzionale regionale e locale italiano del programma PMSP
Baha Jubeh, curatore Museo Dar Al-Tifel di Gerusalemme
Emanuele Pellegrini, ricercatore Università Ca' Foscari di Venezia, membro dell'équipe italiana del progetto

Introduce:
Khaled Hajlaoui, Istituzione Centro Nord-Sud di Pisa

Seguirà un rinfresco di cibi tipici preparati dalla Comunità palestinese e l’Associazione di amicizia italo-palestinese di Firenze

INFORMAZIONI VESTI, GIOIELLI E TRADIZIONI DALLA PALESTINA
Palazzo Medici Riccardi – via Ginori 14 – Firenze
Aperto tutti i giorni dalle 10.30 alle 18.30 dal 5 al 29 novembre 2013
Contatti: 0502231002 – www.centronordsud.it – Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

3 ottobre 2013

Lunedì 30 settembre 2013 a Rovereto, nella prestigiosa sede della Fondazione Opera della campana dei caduti sul colle di Miravalle, si è svolta una manifestazione tesa a valorizzare le iniziative degli Enti locali in Terrasanta.

Alla presenza di diverse autorità locali, in particolare del Sindaco di Rovereto e del Reggente prof. Robol è stata inaugurata una mostra fotografica sui lavori di restauro nella Basilica delle Nazioni del Getzemani a Gerusalemme, iniziativa co-finanziata dal PMSP.

Per il programma era presente il Portavoce dott. Paolo Ricci che nel manifestare il proprio compiacimento per l'iniziativa, ha testimoniato la disponibilità del programma a continuare a lavorare con il Comune di Rovereto e la Provincia autonoma di Trento su iniziative di carattere culturale in Terrasanta.

La mostra fotografica è il risultato di un lungo lavoro dell'arch. Osama Hamdan e della storica dell'arte dott.sa Carla Benelli che hanno coordinato il progetto di restauro e la formazione di un gruppo di giovani palestinesi che hanno, così, sviluppato una professionalità nel settore dei beni culturali che è molto importante per la Terrasanta e Gerusalemme.

All'iniziativa ha preso parte anche l'economo generale della Custodia di Terra Santa ofm. Ibrahim Faltas.

La mostra fotografica rimarrà aperta fino a tutto ottobre e poi verrà trasferita, su iniziativa del Comune di Rovereto, all'interno della manifestazione "Natale dei popoli".

Si ringrazia la dott.sa Giovanna Burinato per l'allestimento grafico dei pannelli fotografici

 

13 settembre 2013

Nell’ultima riunione del Tavolo 4+1, tenutasi a Roma il 13 settembre 2013, è stato presentato un aggiornamento del Programma di supporto alle municipalità palestinesi, che per gentile concessione dell'Unità tecnica di Gerusalemme - ITAU siamo autorizzati a pubblicare.

L’incontro ha prefissato i seguenti obiettivi:
1) Estendere le attività del Programma PMSP sulla base delle risorse ancora non assegnate fino al 31 dicembre 2014 per quanto riguarda la realizzazione di nuovi impegni di spesa e fino al 31 dicembre del 2015 per il monitoraggio dei progetti approvati.
2) Avviare una riflessione sul possibile rifinanziamento del PMSP, anche prevedendo un suo adattamento a differenti regole finanziarie che consentano comunque di mantenere inalterata la ragione d’essere e le caratteristiche peculiari del programma Ali della Colomba (pluralità di attori, flessibilità). A tal proposito gli enti locali e le regioni prepareranno un non paper che illustri finalità, obiettivi e caratteristiche ipotizzabili nella seconda edizione del Programma PMSP.
3) Verificare la possibilità di accompagnare la fase in corso del Programma con una “valutazione strategica” esterna, che misuri anche i risultati delle attività partenariali italo-palestinesi.
4) Svolgere a breve una nuova riunione del Tavolo, eventualmente via tele/video-conferenza, prima del prossimo JMC Italia Palestina (previsto a Betlemme entro la fine dell’anno corrente) a margine del quale si potrebbe svolgere un evento con la partecipazione delle regioni, degli enti locali italiani e delle municipalità palestinesi che potrebbe servire da vetrina per il PMSP, valorizzandone la multilevel governance; di questo sarebbe opportuno parlare nel Tavolo di lavoro dell’intesa Stato- Regioni.
5) A seguito dei pesanti tagli operati dal Governo sulla finanza regionale e locale, si potrebbe esplorare la possibilità di un coinvolgimento delle fondazioni bancarie nel sostegno del programma.

In allegato: aggiornamento del PMSP

 

30 luglio 2013

Dal 25 al 29 giugno 2013 si è svolto presso la Municipalità di Betlemme un corso di formazione sulle basi del Geographic Information System (GIS), a cura di Daniele Passoni e Guido Minini del Politecnico di Milano.

1Il corso è stato un’occasione importante per potenziare le competenze e conoscenze dei partecipanti nell’utilizzo dei principali software GIS (ArcGIS and Quantum GIS). Nel mese di luglio sono stati realizzati 2 corsi previsti dal progetto sul tema “Territorial planning” e “Project Management”.

Entrambi i corsi sono stati condotti in forma di workshop, alternando delle brevi sessioni di lezione frontale con pratiche di lavoro che hanno messo insieme personale proveniente da 3 dipartimenti della Municipalità di Betlemme nel condividere linguaggi, competenze e interessi diversi.

I corsi si sono svolti in 5 giorni ciascuno (dal lunedì al venerdì compresi) con orario concordato insieme al Direttore Generale della Municipalità, in considerazione di alcune difficoltà organizzative legate al particolare periodo di Ramadan, ed hanno coinvolto un gruppo di 8 persone, provenienti da 3 Dipartimenti della Municipalità.

1Il primo corso sul “Territorial Planning”, a cura di Daniela De Leo (Università degli Studi “La Sapienza” di Roma) e Sergio Bisciglia (Università degli Studi di Bari “Aldo Moro”) ha cercato di chiarire cos’è la pianificazione, di uniformare i linguaggi, di individuare degli elementi della pianificazione che possano essere utili per questo territorio. Ma soprattutto i docenti hanno lavorato sulla consapevolezza nei partecipanti del loro ruolo di attori nei processi di pianificazione. E questo è stato fatto sollecitando una riflessione sul ruolo dei pianificatori nella rilevazione dei problemi e dei dati, sottolineando la consapevolezza del potere dei tecnici nel costruire un’agenda delle azioni da mettere in atto per intervenire su quei problemi, realizzando un lavoro per la costruzione di un “action plan” che ha dato modo di sperimentare il fatto che le visioni del futuro dipendono dalla propria posizione, dall’interazione con gli altri e dal contesto.

3Il corso sul project management, condotto da Giuseppe Moro (Università degli Studi di Bari “Aldo Moro”) si è posto l’obiettivo di fornire gli elementi di base della progettazione, in riferimento alle attività della Municipalità di Betlemme, illustrando i concetti principali all’interno del framework del project management.

Tutte le informazioni fornite su cos’è un progetto, chi sono gli stakeholder, come si definiscono gli obiettivi, sui business requirements ecc. sono state applicate nella sperimentazione di un lavoro di gruppo per progettare un parcheggio da realizzare in città.


27 marzo 2013

MISSIONE DEL PORTAVOCE DOTT.RICCI NEI TERRITORI PALESTINESI

- MISSIONE_DEL_PORTAVOCE_DOTT_RICCI.doc


26 marzo 2013

PROGETTO DI SOSTEGNO AL SETTORE IDRICO DEL COMUNE DI HEBRON

Si è svolta il 21 marzo 2013 ad Hebron una riunione riguardante il progetto “Capacity building of water and waste water department in Hebron Municipality” ( HEB WM 02009 ), approvato nel 2011 e della durata di 24 mesi, nell'ambito del Programma PMSP.

Il progetto è sostenuto dalla città di Genova e vede l’intervento operativo di IREN Acqua e gas. Si tratta di un importante progetto di sostegno e sviluppo del dipartimento idrico del Comune palestinese che ammoderna in maniera profonda la gestione della rete e del servizio idrico della città.
L’intervento complessivo è di €. 2.758.375,00 Euro.

Gli obiettivi di questo progetto che è il più importante tra quelli approvati nel settore, sono:
• Migliorare l’efficienza e l’efficacia dei servizi idrici e rispondere adeguatamente al bisogno di acqua nel distretto di Hebron;
• Contribuire al benessere fisico della popolazione;
• Contribuire a rafforzare la capacità istituzionale della Municipalità di Hebron nella gestione dei servizi idrici.

Alla riunione erano presenti il Sindaco di Hebron, i tecnici di IREN e, per il PMSP, il Direttore dott.Antonio La Rocca e il Portavoce degli EE.LL. italiani dott. Paolo Ricci.

 

1°febbraio 2013

Il 30 gennaio 2013 si è insediato nell'ufficio di Gerusalemme il nuovo Console Generale d'Italia Mo. Davide La Cecilia.

A lui vanno i complimenti e gli auguri di buon lavoro da parte di tutto il sistema degli Enti Regionali e locali italiani.

 

Il comune di Como rafforza i legami con il Comune di Nablus

Il comune di Como è gemellato da quindici anni con il comune di Nablus. La nuova amministrazione del capoluogo lariano intende rilanciare la propria azione in Palestina rafforzando le relazioni tra le due città.

Per queste ragioni una delegazione guidata dall'assessore Gisella Introzzi si è recata a Nablus il 29 gennaio 2013 per incontrare il Sindaco e il consiglio comunale.

L'assessore Introzzi ha manifestato la volontà del comune di Como di ricercare occasioni progettuali e sinergie tra le due città anche attraverso il PMSP.

La delegazione italiana, composta dall'assessore del Comune di Como, dal dr. Fiala del Politecnico di Milano, dal dr. Salvaggio dell'Associazione Manager senza Frontiere e dal dr. Imberti della Fondazione GPII, è stata accompagnata a Nablus dal dott. Paolo Ricci, Portavoce del PMSP.

Il sindaco di Nablus avv. Ghassan Shakaa ha manifestato soddisfazione per la visita e grande interesse allo sviluppo di progetti nell'ambito delle possibilità offerte dal PMSP, in modo particolare nel settore del recupero dei beni culturali e del turismo.

Nei prossimi giorni verranno avviati i contatti a livello tecnico per costruire, in breve tempo, una proposta progettuale.

 

Avvio del progetto tra il comune di Santo Stefano Magra (SP) e il comune di Betlemme

Ha preso il via il progetto tra il Comune di Santo Stefano Magra e quello di Betlemme per il rafforzamento delle competenze professionali per lo sviluppo del Peace Center di Betlemme, nell'ambito del PMSP.

I macchinari, necessari alla formazione professionale, sono stati sdoganati e presto avranno inizio i corsi che sono stati programmati in questi giorni in occasione della presenza di tecnici italiani a Betlemme.

Il Sindaco di Betlemme, signora Vera Ghattas Baboun, nell'incontro con il Portavoce dott. Ricci, ha auspicato che la fase formativa possa essere completata in breve tempo per lasciare il campo ad alla fase operativa entro la primavera.

 

Consegna dei diplomi agli studenti dell'ultimo corso della scuola di lingua italiana

Il 25 gennaio sono stati consegnati a Betlemme i diplomi agli studenti dell'ultimo corso della scuola di lingua italiana presso la sede della Fondazione Giovanni Paolo II.

Questo progetto, sviluppato nell'ambito del PMSP insieme alla Regione dell'Umbria, all'università per stranieri di Perugia, all'ADISU e alla Fondazione Giovanni Paolo II, ha visto la frequenza di oltre 40 studenti, di cui 19 nell'ultimo corso.

Grande soddisfazione è stata espressa per l'ottima riuscita del progetto da parte del Presidente della Fondazione GP2, Monsignor Luciano Giovannetti.

È intenzione degli organismi del PMSP proporre ai partner italiani di utilizzare le ottime professionalità messe in campo per estendere il progetto, in un prossimo futuro, aprendo una scuola d'italiano nella città di Ramallah.

27 novembre 2012

Pubblichiamo la presentazione del PMSP in occasione della recente riunione del Tavolo di coordinamento cosiddetto 4+1, tenutasi a Roma, presso il Ministero degli Affari Esteri, lo scorso 22 novembre 2012.

Nel corso dell'incontro, al quale hanno partecipato, tra gli altri, il Presidente della Regione Umbria, Dr.ssa Catiuscia Marini, il Console generale a Gerusalemme, Giampaolo Cantini e il Min Plen. Davide La Cecilia, sono stati illustrati i successi del Programma e le possibilità di dargli un seguito dopo la sua prevista scadenza.

 

MISSIONE REGIONE PUGLIA/OICS NEI TERRITORI PALESTINESI PER LA FORMALIZZAZIONE DI UN PROGETTO PMSP A BETLEMME

Una missione a sostegno del progetto di capacity building a favore del Comune di Betlemme - formata dalla dott.sa Daniela Mazzucca della Regione Puglia, dal dott. Mario Gay di OICS, dal Portavoce dott. Paolo Ricci e dal dott. Paolo Martinino - si è recata nei territori palestinesi in questi giorni, dal 7 al 12 settembre, accompagnata del responsabile dell’ITAU a Gerusalemme, Arch. La Rocca. La Regione Puglia con l’Assessorato al Mediterraneo è capofila del partenariato italiano nel nuovo progetto del Comune di Betlemme per una serie di azioni di rafforzamento istituzionale; al progetto partecipano anche il Comune di Milano, l’ANCI, la, Regione Molise e l’ OICS.

In questa occasione la delegazione si è incontrata con un’altra importante missione nei Territori e in Israele guidata dal Sindaco di Milano, Giuliano Pisapia, evento che accresce la presenza degli enti italiani a sostegno della progettualità in Palestina e nel Programma di sostegno alle municipalità della Palestina.

Il 10 settembre a Betlemme, con il coordinamento del Consolato Generale d’Italia, le missioni italiane hanno discusso del PMSP e valutato possibili sinergie progettuali a vantaggio del comune e della popolazione betlemita, legata anche ai soggetti italiani da una ricca rete di collaborazioni, gemellaggi, attività progettuali.

delegazione

Il Portavoce degli Enti regionali e locali, dott. Ricci, ha espresso soddisfazione per il raggiungimento di un obiettivo comune tra i partner e per la valorizzazione che in questa maniera viene assicurata al PMSP come opportunità di sviluppo di strategie e di azioni concrete a favore degli enti locali palestinesi. Anche il Sindaco di Betlemme ed i responsabili dei settori amministrativi coinvolti nel nuovo progetto hanno manifestato la propria soddisfazione in questo senso e l’auspicio che questi elementi sinergici da parte italiana siano più ampi e frequenti. Il Programma PMSP è stato citato in più occasioni come un momento innovativo e molto positivo della cooperazione italiana nei Territori.

Il dott. Gay di OICS ha avuto inoltre modo di visitare altri progetti in corso del PMSP, tra i quali la scuola di formazione e di restauro nella chiesa del Getzemani (il Giardino degli Ulivi) a Gerusalemme, portato avanti dall’Associazione Terra Santa (ATS) in partnership con il Comune di Rovereto.

La giornata si è conclusa nei locali della Fondazione Giovanni Paolo II a Betlemme dove il Vice Presidente, padre Ibrahim Faltas, ha presentato la scuola di lingua italiana per giovani palestinesi che è sostenuta, nell’ambito del PMSP, da un altro importante partenariato italiano.

 

AGLIANA E LA PROVINCIA DI PISTOIA A BEIT SAHOUR

Domenica 9 settembre a Beit Sahour si è svolta la cerimonia inaugurale del progetto di recupero del palazzo storico Dar-Shomali, nel centro storico della cittadina palestinese alla presenza del Sindaco di Beit Sahour, del Ministro del Turismo e delle Antichità dell’Autorità Palestinese ANP, del Console Generale d’Italia a Gerusalemme e del Portavoce del sistema regionale e locale italiano.

Alla cerimonia ha partecipato una delegazione del comune di Agliana guadata dal Sindaco e della Provincia di Pistoia; nell’occasione, è stato rinnovato il patto di gemellaggio tra le due città.

Il Console Generale Cantini ha espresso il suo apprezzamento e la sua soddisfazione per l’attenzione degli enti locali italiani a sostegno di un recupero funzionale di un importante edificio che valorizza il centro storico della città di Beit Sahour.

 

CALENDARIO DELLA MISSIONE NEI TERRITORI PALESTINESI DAL 7 AL 12 SETTEMBRE 2012

Venerdì 7-9:
Ufficio ITAU a Gerusalemme con F.Giulietti per la valutazione del budget di progetto “Sostegno alle capacità organizzative della struttura comunale di Betlemme”.
Comune di Betlemme: incontro con il Sindaco e la nuova struttura manageriale del JSCSWM del governatorato di Betlemme e di una delegazione tecnica dei Comuni di Milano e Reggio Emilia per la valutazione e la programmazione relative al progetto di “sostegno delle capacità organizzative del JSCSWM di Betlemme”.
Beit Sahour: incontro con il Sindaco per l’organizzazione della cerimonia prevista per il 9 settembre con il Comune di Agliana ( PT ).
Gerusalemme: incontro con La Rocca e Grandi per preparare visita Sindaco di Milano
Gerusalemme: con La Rocca e Martinino per l’assessment del progetto “capacity building” per il comune di Betlemme.

Sabato 8-9:
Gerusalemme: Incontro con la delegazione di Agliana e della Provincia di Pistoia e assistenza alla loro missione nei Territori
Gerusalemme: Incontro con Paolo Martinino per la definizione della presentazione dell’assessment a Betlemme
Gerusalemme: visita al progetto “Scuola di restauro al Getzemani” finanziato dal PMSP

Domenica 9-9:
Gerusalemme: incontro con la delegazione di Agliana
Gerusalemme: incontro con La Rocca in preparazione della cerimonia di Beit Sahour e dell’arrivo del Sindaco di Milano
Beit Sahour: cerimonia della posa della prima pietra del progetto di ristrutturazione dell’edificio di Dar-Shomali e sottoscrizione patto di gemellaggio tra Agliana e Beit Sahour. ( presenti: Ministro Turismo ANP, Sindaco di Beit Sahour, Console Generale d’Italia, La Rocca, Consiglio comunale di Beit Sahour, consiglieri comunali di Agliana, Consigliere Provinciale di Pistoia, Ing. W.Halayka)
Gerusalemme: accoglienza delegazione Regione Puglia e OICS
Gerusalemme: cena ufficiale in onore del Sindaco Pisapia presso la residenza del Console Generale Cantini

Lunedì 10-9:
Gerusalemme: riunione operativa con Martinino, Gay e Mazzucca sul progetto “capacity building” a Betlemme
Ramallah: Tavolo tecnico sulla partecipazione del Comune di Milano al PMSP insieme al Console Generale, Ministro del Turismo palestinese, Capo di Gabinetto della Presidenza ANP, Sindaci di Betlemme e Hebron, Sindaco e delegazione di Milano, Arch. La Rocca.
Betlemme: incontro tra il Sindaco di Milano e il Sindaco di Betlemme.
Betlemme: visita progetto di un centro giovanile sostenuto da ARCI-CGIL
Betlemme: visita e ricevimento alla Fondazione Giovanni Paolo II

Martedì 11-9:
Gerusalemme: Ufficio ITAU incontro con Assessore Apuzzo del Comune di Rozzano(MI) e dott. Grandi del Comune di Milano.
Gerusalemme :Ufficio ITAU incontro con il Console Generale Giampaolo Cantini.
Betlemme: Incontro con Don Mario Cornioli, assistente del Patriarca latino a Gerusalemme.
Betlemme: Comune di Betlemme, presentazione risultati assessment del progetto “Sostegno alle capacità organizzative della struttura comunale di Betlemme” e cerimonia di sottoscrizione del relativo MoU da parte del Sindaco di Betlemme.
Betlemme: Cerimonia di sottoscrizione dell’accordo tra il Comune e la Fondazione GP2 per la gestione di un progetto di sviluppo economico nel Peace Center, co-finanziato dal PMSP
Gerusalemme: Incontro con la delegazione tecnica del Comune di Milano in previsione degli ulteriori incontri istituzionali previsti per la giornata successiva.
Gerusalemme: incontro conviviale tra la delegazione OICS-Regione Puglia, il dott. La Rocca e il nuovo direttore UTL, dott. Vincenzo Racalbuto.

Mercoledì 12-9:
Gerusalemme: incontro con la delegazione di Milano
Ramallah: incontri con il Ministro ed il Vice Ministro del Governo locale Partenza per l’aeroporto e rientro in Italia in serata.


2 settembre 2012

Il 2 settembre si è tenuta la conferenza “Ali della Colomba Esperienze di best practices amministrative tra Enti locali Italiani e Palestinesi: il PMSP.” L’incontro si è svolto nell’ambito del World Urban Forum organizzato da Habitat presso la prestigiosa sede della Mostra d’Oltremare a Napoli.

Hanno partecipato il vice Presidente del Parlamento Europeo on. Gianni Pittella, l’Assessore della Regione Campania Pasquale Sommese, il Sindaco di Caserta Pio del Gaudio, l’Assessore del Comune di Napoli Alberto Lucarelli, Alessandro Fucito dell’ANCI, Gaetano Daniele del FIAL e il Portavoce degli Enti Regionali e locali nel PMSP Paolo Ricci.

La conferenza è stata organizzata dal CIEM ed i lavori sono stati coordinati dal Sindaco di Forio d’Ischia Francesco Regine.

In rappresentanza del governo dell’autorità palestinese, ha partecipato alla conferenza il Vice Ministro del Governo Locale dott. Mazen Gunaim, il quale ha evidenziato l’importanza di dare continuità alle azioni e alle relazioni tra enti locali italiani e palestinesi che il PMSP ha sviluppato in questi anni.

 

Perugia 13 luglio 2012

La Presidente della regione dell'Umbria Catiuscia Marini ha incontrato il 13 luglio u.s. A Perugia il Console Generale a Gerusalemme amb. Giampaolo Cantini e il Portavoce del sistema regionale e locale italiano nel PMSP dott. Paolo Ricci. Nell'incontro a cui era presente anche il dirigente della Regione dott. Vestrelli , si e' parlato delle attivita' di cooperazione decentrata in Palestina e dell'importanza del PMSP quale strumento efficace di attenzione alle problematiche dei Comuni palestinesi. La Presidente Marini ha ribadito l'impegno della Regione Umbria e Suo personale nel coordinamento politico del programma.  il Console Cantini ha evidenziato l'importanza del programma per le strategie della cooperazione italiana in Palestina e per il sostegno alla crescita professionale e operativa dei comuni palestinesi nella erogazione dei servizi di base alla popolazione. In una fase difficile come quella che stiamo attraversando avere un programma efficace che si muove andando ad intercettare bisogni concreti come il PMSP arappresenta un valore aggiunto e un modello a cui si stanno interessando tutti i donatori internazionali. - ha commentato il Console generale. La presidente Marini ha manifestato la volonta'  di proseguire il sostegno alle controparti locali palestinesi a cui il sistema regionale e locale italiano e' tradizionalmente molto vicino.
Il console Cantini e la Presidente Marini hanno convenuto di rimanere in stretto contatto, anche attraverso l'azione del Portavoce Ricci, al fine di sostenere eventuali sviluppi del programma in conseguenza della visita del Presidente Abu Mazen a Roma.

 

 

25 giugno 2012

Il 20 giugno 2012 si è svolto a Bologna, presso gli uffici del Dipartimento Affari Internazionali della Regione Emilia-Romagna, un incontro tra i partner italiani del progetto HEB SW 01009, sul trattamento e smaltimento dei rifiuti ospedalieri nel JSC di Hebron e Betlemme.

Il progetto, unico nel suo genere all'interno del PMSP, è rivolto alla problematica della salvaguardia dell'ambiente e della salute pubblica in Palestina.

È importante sottolineare che la sua attivazione è stata preceduta da un accordo tra il Ministero del Governo locale ed il Ministero della Salute dell'Autorità Nazionale Palestinese che rappresenta, con la sua partecipazione, un valore aggiunto.

La Regione Emilia Romagna è capofila del progetto, che si realizzerà grazie all'intervento di Nexus e dell'expertise messo a disposizione dalla USL di Ferrara. Alla riunione a Bologna ha preso parte anche il Portavoce unico del PMSP, il dott. Paolo Ricci .

Il progetto ha un valore di € 795.357 di cui €. 681.137 a carico del PMSP e €.85.820 a carico del partenariato italiano e la sua durata è di 14 mesi.

 

15 maggio 2012

Il 15 maggio il dr. Akram Bader, sindaco di Battir e il direttore del progetto, dr. Michel Nasser, hanno incontrato i rappresentanti del partenariato italiano del progetto "Ecomuseo di Battir" nell'ambito del PMSP. 
L'incontro si è tenuto nella sede di FEDERPARCHI a Roma dove era presente anche il Portavoce dr. Paolo Ricci. 
Il dr. Bader ha presentato lo stato dell'arte del progetto e tutti gli intervenuti hanno confermato il loro impegno nella realizzazione di questo progetto. 
Nel corso dell'incontro sono state programmate le attività che saranno realizzate in collaborazione con i partner italiani(Felcos, ARPA Umbria, FEDERPARCHI, Provincia di Lecce, IPRES, Comune di Empoli); capofila del partenariato italiano è la provincia di Lecce.

20 aprile 2012

Lo scorso 20 aprile si è riunito a Ramallah, nei Territori palestinesi, il quarto Steering committee del progetto “Palestinian Municipalities Support Program (PMSP)”, co-presieduto dal Console Generale d’Italia a Gerusalemme, Giampaolo Cantini (di recente nuova nomina), e dal Ministro degli Enti Locali dell’ANP, Khaled Al Qawasmi. Nel corso della riunione sono stati approvati dieci progetti per un totale di oltre 3.5 milioni di euro.
Gli enti locali italiani coinvolti sono i Comuni di Agliana (PT), Quarrata (PT), Serravalle Pistoiese (PT), Vicenza, Padova, Cannara (PG), Valfabbrica (PG), Gualdo Tadino (PG), S. Stefano Magra (SP); le Province di Pistoia e La Spezia; le Regioni Sicilia, Emilia Romagna, Molise, Puglia e Umbria. Un progetto particolare, a sostegno della capacità amministrativa del Comune di Betlemme, verrà seguito da un consorzio dell’intero sistema degli enti locali italiani coordinati dalla Regione Puglia in collaborazione con OICS, con l’obiettivo di attingere alle migliori pratiche esistenti in tutta Italia. All’incontro ha partecipato, tra gli altri, il Portavoce del Tavolo 4+1, Dr. Paolo Ricci.
In occasione della convocazione dello SC (data iniziale 18 aprile, poi posticipato al 20) è stato messo a disposizione il documento “Summary PMSP Program Activities 2006 – 2011”, a cura dell’ITAU di Gerusalemme coordinata dall’Architetto Antonio La Rocca. Nel voluminoso documento - visionabile allo stesso indirizzo www.oics.it - viene dettagliatamente presentata l’esperienza ormai in via di conclusione del Programma, che al momento ha impegnato quasi tutte le risorse messe a disposizione dal 2004: è il primo passo per un bilancio del Programma da parte italiana e palestinese, bilancio che verrà portato a termine sotto gli auspici del Tavolo 4+1 e della Regione Umbria, capofila per le iniziative in Medio Oriente del sistema regionale italiano (Commissione speciale per la Pace in Medio Oriente).

PMSP Projects 2006-2012 IV Steering Committee.pdf

14 novembre 2011

Lunedì 14 novembre il Portavoce del PMSP, dott. Paolo Ricci, ha preso parte al Comitato scientifico della Fondazione Giovanni Paolo II, nella sede della Provincia a Firenze.

Nel corso dell’incontro, il Portavoce è intervenuto sui progetti che il PMSP, in partenariato con la Fondazione, sta sviluppando in Palestina a sostegno dei Comuni del territorio.

Alla presenza di molte autorità istituzionali toscane il Presidente della Fondazione GP2, S.E. Luciano Giovannetti, ha manifestato il suo apprezzamento per il rapporto positivo con il PMSP ed il Consolato generale a Gerusalemme per l’impegno che si sta profondendo nello sviluppo di progetti di cooperazione decentrata a Betlemme e Gerusalemme est.

 

2 novembre 2011

Il Sindaco di Battir, dott.Akram Bader e il Portavoce degli Ee.Ll. dott. Paolo Ricci, il 2 novembre hanno incontrato a Montevarchi alcuni rappresentanti del partenariato italiano sul progetto per un eco Iseo nel territorio rurale del villaggio di Battir, nel Governatorato di Betlemme.

Erano presenti i rappresentanti di Arpau e di Felcos Umbria oltre al rappresentante dell' UNESCO, arch. Giovanni Fontana.

Il dott. Bader ha presentato lo stato dell'arte del progetto e i risultati ottenuti fino ad oggi.

Si sono affrontati argomenti fondamentali per lo sviluppo del progetto e sono stati presentati alcuni passaggi organizzativi che si dovranno attuare per giungere alla conclusione del progetto.

Arpau ha presentato un rapporto di missione e delle proposte per il proseguimento del progetto offrendo la disponibilità ad un supporto più mirato nel settore ambientale.

 

7 ottobre 2011

Una delegazione palestinese guidata dal presidente dell’Unione dei Comuni Rurali di Betlemme Est, Khader Hamdan, è stata ricevuta a Palazzo Strozzi Sacrati dal presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi. Presente anche Raed Samara, direttore dell’Unione dei Comuni Rurali di Betlemme Ovest.

La delegazione era accompagnata dal presidente di Cispel Toscana, Alfredo de Girolamo, e da rappresentanti di enti e aziende pubbliche toscane che partecipano al progetto di cooperazione internazionale attivo a Betlemme intitolato “Ali della Colomba”, oltre ai dirigenti palestinesi che seguono il progetto stesso.

Il progetto, cofinanziato con fondi nazionali, assomma complessivamente a 1,3 milioni di euro, dei quali 300 mila provengono dai partner toscani (Aato 2 basso Valdarno – capofila; Asa di Livorno, Acque Spa di Pisa, Water Right Foundation, Confservizi Cispel Toscana). L’ambito di intervento è quello dell’acqua, un tema particolarrmente sentito in Palestina, sia per l’approvvigionamento che per lo smaltimento dei reflui.

Nei prossimi mesi e fino alla fine del 2012 esperti e dipendenti delle aziende toscane svogleranno attività di formazione pratica al personale palestinese per la gestione dell’azienda dell’acqua potabile, per la quale è stato già presentato il piano industriale.

Nel dare il benvenuto alla delegazione, il presidente Rossi ha ricordato le molteplici attività nelle quali è impegnata la Regione Toscana in aiuto del popolo palestinese. Fra queste le iniziative di cooperazione sanitaria, che comprendono il sostegno alla costruzione di un ospedale nella zona di Betlemme ad opera della Fondazione Giovanni XXIII.

La delegazione palestinese ha ringraziato per l’apporto dato dalla Toscana, sottolineando come le iniziative di cooperazione avviate congiuntamente stiano dando un contributo alla creazione dello Stato Palestinese a creare i servizi e porre le basi per l’indipendenza della società civile.

Il presidente Rossi ha concluso ricordando come gli interventi effettuati in materia di servizi essenziali alla vita (sanità, acqua, istruzione, lavoro) siano un contributo “per rendere la vita più dignitosa e per costruire la pace, perché aiutano a fare in modo che all’interno del popolo palestinese prevalga chi lavora ad una soluzione politica” della questione mediorientale.

 

30 settembre 2011

Il 30 settembre il dott. Mario Gay dell’OICS ed il dott. Paolo Ricci, Portavoce degli Enti regionali e locali, hanno incontrato a Roma il dott. Ercole Greco ed altri due collaboratori della Regione Calabria per valutare un possibile coinvolgimento della struttura regionale nel Programma di Sostegno alle Municipalità Palestinesi .

La delegazione della Calabria ha espresso un grande interesse a partecipare al programma, che rappresenta un’importante opportunità per effettuare interventi di cooperazione decentrata.

L’incontro si è incentrato sui progetti ancora da assegnare nel settore dei beni culturali e del ciclo delle acque, con un’approfondita disamina sulle possibilità d’intervento nel governatorato di Hebron e nel sud della Cisgiordania.

L’interesse dimostrato dagli interlocutori calabresi risulta essere molto importante e tanto più lo sarebbe il coinvolgimento della Regione, in grado di mettere a disposizione competenze e “best practices” nel campo del restauro e della formazione di personale nel settore dei beni culturali e della salvaguardia del patrimonio storico della Palestina.

A seguito del colloquio, il dott. Gay ha messo a disposizione la struttura dell’OICS per facilitare le azioni future della Regione Calabria, nel caso di un intervento diretto nel programma.

Il dott. Greco e i suoi collaboratori riferiranno degli esiti dell’incontro al Presidente e all’Assessore della e quanto prima si potrà contare su una risposta della Regione Calabria.

 

27 settembre 2011

Il 27 settembre il dott. Ricci si è recato a Vicenza per facilitare l’invio di una missione tecnica in Palestina, propedeutica alla definizione del progetto esecutivo.

I Comuni di Vicenza e Padova hanno infatti sottoscritto la manifestazione d’interesse per poter sviluppare il progetto di ri-sistemazione e arredo urbano di un’importante zona a vocazione commerciale nella città di Betlemme. Si tratta di un progetto prioritario per l’amministrazione comunale di Betlemme che attraverso di esso intende dare una “vestibilità” nuova e più moderna ad una delle zone più importanti della città.

Il progetto consiste essenzialmente nella definizione di un nuovo arredo urbano di una zona centrale della città a forte vocazione commerciale. Il Sindaco di Betlemme, il dr. Batarseh, ha manifestato la propria soddisfazione per l’attenzione che i Comuni di Vicenza e Padova hanno dimostrato e per la qualità dell’aiuto che metteranno in campo sia in termini economici che di conoscenze e professionalità.

Nel corso della giornata il Presidente del Consiglio comunale di Vicenza, Luigi Poletto, e il consigliere delegato ai gemellaggi e alla cooperazione del comune di Vicenza, Federico Formisano, insieme al dott. Ricci, hanno avuto la possibilità di confrontarsi sulle opportunità del programma ed hanno condiviso un percorso di azione a sostegno di un accordo istituzionale tra la città di Vicenza e quella di Betlemme.

 

11 luglio 2011

L'11 luglio si sono incontrati a Bari, presso gli uffici dell’Assessorato al Mediterraneo, il Portavoce degli Enti regionali e locali italiani, dott. Paolo Ricci, e per la Regione Puglia il dott. C. Polignano, la dott.sa F. Chirianni e la dott.sa P. Marella per discutere le componenti tecniche ed organizzative dell’intervento della Regione nel "PMSP - Programma di Sostegno alle Municipalità Palestinesi" attreverso un progetto del Comune di Beit Jalla nel settore “benied attività culturali”.

Con il progetto s'intende ristrutturare un ambiente di proprietà comunale da adibire a centro culturale e teatrale che avrà un impatto non indifferente sulla crescita culturale di Beit Jalla fornendo un servizio di qualità alla popolazione palestinese.

In particolare la Regione Puglia, nello specifico l'Assessorato al Mediterraneo, sosterrà tutta la fase di progettazione e effettuarà un’indagine archeologica e geologica sul sito. Inoltre, in ambito teatrale è previso il coinvolgimento del Teatro Pubblico Pugliese che da anni collabora con la Cooperativa Teatrale Palestinese alla quale, una volta terminato l’intervento, sarà affidata la gestione del nuovo teatro.

 

6 luglio 2011

Il 6 luglio a Milano si è svolto un workshop sul tema “Attività in tema di politiche di genere e cooperazione decentrata. L’esempio del PMSP a sostegno delle donne della comunità di Gerusalemme est.”
L’iniziativa è stata organizzata dalla Provincia di Milano all’interno del progetto: “Support to the Palestinian Community of East Jerusalem”, cofinanziato dalle Provincie di Milano, Roma e Napoli.

Il valore del progetto è di complessivi €.660.000 così suddivisi:

  • € 480.000 contributo del PMSP
  • € 200.000 contributo dei partners italiani
  • € 42.000 contributo dell’applicant palestinese

Sono intervenuti l’assessore della Provincia di Milano Cristina Stancari, il dirigente dott.Minoia, la responsabile delle politiche di genere dott.ssa Tommasi, il dott. Lenzi della Provincia di Napoli, la dott.sa Najwa Silwadi, Direttrice del Community Action Centre presso l’università di Al Quds, la dott.ssa Virginia Cobelli dell’associazione “Soleterre” ed il Portavoce del PMSP dott. Paolo Ricci.

 

Il seminario è stata l’occasione per fare il punto sul progetto e per valutarne risultati e aspettative.
Presente anche una delegazione di donne palestinesi che, nel sottolineare l’importanza del progetto, ha evidenziato la necessità di dare continuità alle iniziative del Community Action Centre in favore delle politiche di genere e delle pari opportunità a Gerusalemme est.
Il dott. Ricci ha sottolineto come attraverso questo progetto sia stato dato un segno di forte attenzione alle politiche di pari opportunità e al rafforzamento della condizione delle donne a Gerusalemme est. Inoltre ha enfatizzato l’impegno e la qualità del partenariato italiano che ha visto il coinvolgimento delle Province di Milano,Roma e Napoli oltre che la Fondazione IDIS-città della scienza ed il CISS.

 

Programma e attività

 

23 giugno

Documentazione relativa ai progetti approvati nel corso del III Steering Committee del 24 maggio 2011 e riepilogo finanziario dell'attività del Programma 2006-2011

 

27 maggio

MISSIONE DEL PORTAVOCE UNICO DEGLI ENTI LOCALI ITALIANI NEL PMSP IN PALESTINA - MAGGIO 2011

Il 24 maggio si è tenuta a Ramallah la principale riunione dello Steering committee del PMSP a cui ha partecipato il portavoce RELI - PMSP, Paolo Ricci.

L’incontro ha assunto una particolare importanza soprattutto per il cospicuo numero di progetti all’OdG, per l’ammontare delle risorse da allocare e per la rilevanza del partenariato italiano.

A seguito della Conferenza di Perugia del 31 gennaio l’interesse degli Enti regionali e locali italiani nei confronti delle opportunità offerte dal programma è cresciuto in modo esponenziale ed i risultati sono evidenti.

Lo sforzo prodotto in questi mesi ha portato alla presentazione di 15 nuovi progetti per un totale di €. 7.788.033,50 di cui €.5.000.476,00 a carico del PMSP e €.2.776.557,50 di contributo dei partners italiani e palestinesi. È inoltre in corso di definizione il partenariato italiano per un'altra decina di progetti. Il programma, in questo modo, ha impegnato la maggior parte delle risorse a suo tempo assegnate.

Dal 2006 ad oggi, sono stati licenziati 50 progetti per un totale complessivo di €.21.826.746,45 (“Projection of the PMSP overall Financial Commitment 2006-2011”, a cura della Struttura tecnica del PMSP a Gerusalemme) così ripartiti:
€.15.703.215,53 a carico del PMSP
€.2.225.031,90 da parte delle municipalità palestinesi
€.3.898.499,02 da parte dagli Enti regionali e locali italiani ( kind e cash )

Tra i tanti progetti in evidenza è importante sottolineare l’approvazione del progetto “ Capacity and institutional building of water and wastewater department of Hebron municipality” in partnership con il Comune di Genova ed IREN per un ammontare complessivo di €. 2.758.375,00 di cui €. 668.750,00 da parte della città di Genova ed IREN.

Rispetto all’ODG presentato, il comitato di valutazione ha sospeso temporaneamente l’attivazione del progetto “Training in Cultural heritage conservation in East Jerusalem and restoring of Gethsemane church of all nations’ roof and mosaics” presentato dal Centro del mosaico di Gerico, dalla Custodia francescana di Terra Santa e dal Comune di Rovereto. La componente palestinese ha chiesto tempo per ulteriori approfondimenti prima dell’approvazione definitiva, posticipata al prossimo incontro.

In quattro progetti approvati esiste una manifestazione d’interesse da parte di Enti locali italiani, ma il partenariato non è stato ancora definito nel dettaglio del contributo economico. La linea tenuta è stata quella di dare un segnale forte di attuazione di quei progetti, lasciando alla struttura tecnica di riferimento il compito di definire le modalità di partecipazione del partner italiano nel più breve tempo possibile.

Il Ministro del Governo locale palestinese, dr. Qawasme ha proposto di organizzare una conferenza in Palestina sul PMSP, entro la fine dell’anno, che possa portare ad un bilancio degli obiettivi raggiunti e lanciare prospettive future di sviluppo dei rapporti tra le Istituzioni regionali e locali italiane e palestinesi.

La missione del Portavoce ha coinciso con quella di alcuni rappresentanti tecnici dei comuni di Reggio Emilia e di Milano per il progetto “Environmental policies and waste management in the southern West Bank area-code BET CH 01909” in favore del Joint Service Council Solid Waste Management di Betlemme.

Nel corso del’incontro tenutosi nel pomeriggio del 23 maggio presso il JSCSWM a Betlemme sono state sviscerate tutte le problematiche inerenti quel progetto; in particolare, quelle relative alle interconnessioni con un altro progetto, attualmente in corso nel settore dei rifiuti solidi a Betlemme, cogestito dai Comuni di Capannori e di San Giuliano Terme.

Nell’incontro con il Sindaco di Betlemme, inoltre, sono stati discussi alcuni progetti in progress a favore della città palestinese.

In particolare, il Sindaco ha chiesto di concludere al più presto l’iter di costituzione del partenariato per il progetto di ristrutturazione funzionale della strada del mercato della città, per il quale hanno mostrato interesse i Comuni di Vicenza e di Padova.

Infine, si è discusso delle modalità di redazione ed attuazione di un progetto di Institutional and capacity building che coinvolga tutti i dipartimenti del Comune.

Negli incontri avuti con i rappresentanti della Custodia francescana di Terra Santa e della Fondazione Giovanni Paolo II, che operano soprattutto nell’area di Betlemme e di Gerusalemme est, si è analizzato lo stato dell’arte di alcuni progetti già finanziati e sono state discusse alcune nuove idee progettuali preliminari a favore della municipalità di Betlemme.

Il Ministro del Governo locale dott. Qawasme ed il Console Generale d’Italia dott. Pezzotti hanno manifestato ufficialmente il loro apprezzamento per l’organizzazione ed i risultati della conferenza di Perugia del 31 gennaio u.s. e per il lavoro svolto in Italia a favore della costituzione di partenariati

2 maggio 2011

MISSIONE DEL PORTAVOCE UNICO DEGLI ENTI LOCALI ITALIANI NEL PMSP IN PALESTINA - APRILE 2011

Il Portavoce delle associazioni degli Enti regionali e locali italiani, Dott. Paolo Ricci, si è recato in Palestina il 18 aprile u.s. per una serie di incontri con autorità italiane e palestinesi in merito al Programma di sostegno alle municipalità palestinesi.
L’obiettivo primario della missione era quello di analizzare e definire i progetti in gestazione che dovranno essere sottoposti al prossimo comitato di valutazione. Di concerto con il direttore del programma arch. Antonio La Rocca e con il Direttore del dipartimento dei Joint Service Councils presso il Ministero del Governo locale palestinese sono stati analizzati 11 progetti per un valore di circa 4 milioni di euro.
Tutti questi progetti hanno importanti partners istituzionali italiani che sostengono varie iniziative e ne rappresentano il vero valore aggiunto.
A seguito della Conferenza internazionale di Perugia dello scorso 31 gennaio si è verificato un forte movimento da parte degli Enti regionali e locali italiani che hanno risposto in modo positivo e con rinnovato impulso al rilancio del programma. Questo entusiasmo ha prodotto un forte interesse che si è, talvolta, concretizzato in proposte sostanziali a totale beneficio del processo di riforma delle municipalità palestinesi.
Il prossimo Steering committee, previsto per la fine di maggio, approvando i numerosi progetti pronti darà una risposta importante alla compiuta realizzazione del programma.
Gli incontri che il dott. Ricci ha avuto a Gerusalemme ed a Ramallah in questi giorni sono stati propedeutici alla convocazione del prossimo Steering committee del programma che il Ministro del Governo locale ed il Console Generale italiano a Gerusalemme stanno ipotizzando di tenere entro la fine del mese di maggio.
La Conferenza di Perugia, pur prevedendo una proroga del programma alla fine del 2012, ha evidenziato la necessità di approvare i progetti ed impegnare le risorse disponibili nel più breve tempo possibile e, comunque non oltre l’autunno di quest’anno, in modo da consentire l’implementazione dei progetti entro il periodo di validità del programma stesso.
Inoltre, il Portavoce dott. Ricci ha incontrato i vertici del Comune di Betlemme con cui sono state concordate le modalità per la realizzazione di un progetto nel settore dell’institutional and capacity building che contribuisca a migliorare l’organizzazione di sei settori della municipalità e consenta una più efficiente erogazione dei servizi di base alla popolazione amministrata.
A conclusione della sua missione, il dott. Ricci ha incontrato il Console Generale con il quale si è fatto il punto della situazione in attesa del prossimo comitato di valutazione.
Il Portavoce esprime soddisfazione per i risultati conseguiti in questa missione e si auspica che vengano presto definiti altri progetti, soprattutto nel settore delle risorse idriche e dei rifiuti, che consentano di impegnare tutte le risorse disponibili nei tempi stabiliti.

11 aprile 2011

GEMELLAGGIO AGLIANA (PT) E BEIT SAHOUR - APPROVAZIONE DI UN PROGETTO DI COOPERAZIONE DECENTRATA NELL’AMBITO DEL PMSP

Lunedì 11 aprile u.s. i Comuni di Agliana, di Serravalle Pistoiese e di Quarrata si sono gemellati con la città palestinese di Beit Sahour.pmsp agliana
Per l’occasione è stata organizzata una cerimonia nella sala consiliare di Agliana alla presenza dell’Assessore alla Cooperazione della Provincia di Pistoia Chiara Innocenti.
A sostegno del patto di gemellaggio i Comuni e l’Ente Provinciale Pistoiese si sono impegnati a sostenere un progetto di cooperazione nel settore dei beni culturali a Beit Sahour, nell’ambito del PMSP.
Presente anche il Portavoce unico delle Associazioni Regionali e Locali Italiane , dott. Paolo  Ricci il quale ha sottolineato l’importanza del sostegno alle iniziative di Beit Sahour da parte di un territorio sinergico come quello dei Comuni interessati.
Il progetto consiste nel completamento della ri-qualificazione della Piazza del Mercato Centrale di Beit Sahour. La prima fase, consistente nella ristrutturazione vera e propria dell’area mercantile, è già stata approvata ed è in corso di esecuzione. Questa fase vede il coinvolgimento dei Comuni italiani di Mira (VE), Anghiari (AR) Pelago e Rufina ( FI ). La seconda fase prevede la ristrutturazione di un edificio storico prospiciente il pozzo di Maria da adibire a struttura turistico ricettiva a gestione comunale.
Il progetto prevede anche una forte componente di valorizzazione dell’arredo urbano e di spazi verdi per la quale i Comuni toscani potranno apportare uno specifico e qualificato sostegno, vista la grande vocazione orto-floro-vivaistica del territorio pistoiese.
Il Sindaco di Agliana, sig.ra Eleanna Ciampolini, si è dichiarato orgogliosa dei rapporti tra la città aglianese e Beit Sahour  ed ha sottolineato l’importanza del PMSP quale strumento moderno ed efficace di cooperazione decentrata tra gli Enti locali italiani e palestinesi.

 

5 aprile 2011

Il Portavoce degli Enti Regionali e locali italiani nel PMSP , dott. Paolo Ricci, ha incontrato presso il Comune di Vicenza l’Assessore comunale alle Politiche di Cooperazione dott. Giurliani, il Presidente del Consiglio Comunale di Vicenza, dott. Poletto, il Sindaco di Recoaro Terme, dott. Perlotti, responsabile ANCI Veneto per la cooperazione decentrata, la funzionaria del Comune di Padova dott.ssa Bianco, il Presidente di Vicenza Acque dott. Guzzo e la funzionaria del servizio cooperazione decentrata del Comune di Vicenza dott. Zamperletti.
L’incontro, programmato da tempo, si inserisce nel solco tracciato dalla Conferenza internazionale di Perugia dello scorso 31 gennaio ed ha avuto come scopo principale il coinvolgimento dei Comuni di Vicenza e di Padova nell’ambito del PMSP.
L’Assessore Giurlani ed il Presidente Poletto hanno manifestato l’interesse del Comune di Vicenza per un intervento nella città di Betlemme.
Vicenza, infatti, è legata da un rapporto istituzionale con il Comune di Betlemme ed è disponibile a sostenere le necessità palesate dal Sindaco dott. Batarseh nel settore dei Beni Culturali e delle Risorse Idriche. Anche il Comune di Padova si è dichiarato disponibile a studiare la possibilità di intervenire insieme a Vicenza nella città di Betlemme.
Il Presidente di “Vicenza Acque” ha messo a disposizione la propria struttura e le professionalità interne alla società per un eventuale intervento del Comune di Vicenza a Betlemme,  nel settore idrico.
Il Portavoce Ricci si è dichiarato molto soddisfatto della riunione e si è messo a disposizione dei Comuni veneti presenti  per dare operatività a quanto deciso nel più breve tempo possibile.
L’intenzione dei Comuni di Vicenza, Padova e dell’ANCI Veneto è quello di costruire una rete territoriale aggregando un sistema complesso di Comuni e società partecipate al fine di valorizzare un intervento in favore della città di Betlemme a cui i Comuni presenti sono legati da profondi ed antichi vincoli di amicizia.
“Il fatto di poter contare su un partenariato territoriale così ampio e qualificato è motivo di soddisfazione e di grande interesse per il Programma” così ha concluso il Portavoce Ricci.

 

1 aprile 2011

Il 1 aprile, presso la sede della Regione Sardegna di Cagliari - Dipartimento della Presidenza, il Portavoce unico dott. Paolo Ricci ha incontrato il dott. Marco Sechi e la dott.ssa Barbara Cauli per analizzare le possibilità ed i progetti che il programma può mettere a disposizione per un eventuale coinvolgimento ufficiale della Regione Sardegna.
Nel corso della riunione è stata fatta una panoramica ricognitiva dei progetti in essere ancora privi di partenariato italiano e sono stati dettagliati alcuni progetti più specifici progetti in particolare nei settori dei Beni culturali e delle Risorse idriche.
La Sardegna può vantare buone prassi in entrambi i settori d’intervento che potrebbero risultare efficaci per la buona riuscita di alcune azioni progettuali.
Nei prossimi giorni il dott. Sechi ed il dott. Ricci potranno approfondire ulteriormente le questioni dopo che i rappresentanti politici regionali avranno sviluppato un proprio convincimento sulla base delle informazioni assunte.

 

28 marzo 2011terni

Si è svolta il 28 marzo a Terni, nella prestigiosa sede di palazzo Gazzoli, la presentazione ufficiale del progetto di cooperazione decentrata “A