Cerca nel portale

Regioni

Regione Valle D'Aosta Regione  Piemonte Regione Lombardia Regione  Trentino Alto Adige Regione Veneto Regione  Liguria Regione Emilia Romagna Regione Toscana Regione Umbria Regione Marche Regione Lazio Regione  Abruzzo Regione  Basilicata Regione Campania Regione Molise Regione Puglia Regione Calabria Regione Sicilia Regione Friuli Venezia Giulia Regione Sardegna

AREA SOCI

WHCB, a supporto delle politiche sanitarie e di welfare nell'area adriatica

Attenzione: apre in una nuova finestra. StampaEmail

Fonte: ANSA

“È un esempio di come il Molise esporti buone pratiche e un modello di lavoro e sanitario di interesse”. Così il presidente della Regione, Michele Iorio, ha commentato i contenuti del seminario internazionale in programma oggi e domani a Campobasso che approfondirà i temi relativi al  progetto “WHCB a supporto delle politiche sanitarie e di welfare nell'area adriatica” del quale la Regione Molise è ente capofila. “La struttura regionale di questa presidenza in questi mesi - ha sottolineato - si è adoperata con grande professionalità a finalizzare un progetto che sapientemente coniuga sostegno istituzionale e tecnico alla costruzione e riqualificazione dei servizi socio-sanitari dei Paesi partner, volto alla realizzazione dei diritti di cittadinanza delle popolazioni coinvolte”. Nato da un percorso di concertazione e progettazione partecipata fra le Regioni italiane e con le municipalità coinvolte, il Progetto risponde a specifiche esigenze emerse dai soggetti dei territori dei paesi Balcani Occidentali.

L'iniziativa intende favorire lo sviluppo armonico delle politiche di welfare, sanitarie e di decentramento amministrativo dei servizi sociali, capaci di contenere la spesa e l'esclusione sociale indotta dai processi di globalizzazione in atto e di assicurare un percorso virtuoso per lo sviluppo di un sistema di standard di qualità di servizi comuni ai Paesi e compatibili con gli standard europei. Il progetto si realizza all'interno di una rete consolidata di esperienze e intende costruire momenti di scambio e favorire l'integrazione delle realtà dello spazio adriatico.