Cerca nel portale

Regioni

Regione Valle D'Aosta Regione  Piemonte Regione Lombardia Regione  Trentino Alto Adige Regione Veneto Regione  Liguria Regione Emilia Romagna Regione Toscana Regione Umbria Regione Marche Regione Lazio Regione  Abruzzo Regione  Basilicata Regione Campania Regione Molise Regione Puglia Regione Calabria Regione Sicilia Regione Friuli Venezia Giulia Regione Sardegna

AREA SOCI

IPA Adriatico: il Comitato di Sorveglianza valuta i progetti

Attenzione: apre in una nuova finestra. StampaEmail

 

Fonte: CBC Adriatic IPA

La prima fase di ammissibilità dei progetti, presentati dagli otto Stati coinvolti, è stata effettuata dal Comitato di Sorveglianza del Programma di Cooperazione transfrontaliera “CBC IPA Adriatico” (2007-2013) nella riunione che si è svolta a L’Aquila, sede dell’Autorità di Gestione, il 25 e 26 marzo scorsi.

ipa adriatico logoI rappresentanti degli Stati di Slovenia, Croazia, Bosnia Erzegovina, Montenegro, Albania, Serbia, Grecia, e, per l’Italia, delle Regioni Abruzzo, Friuli Venezia Giulia, Veneto, Emilia Romagna, Marche, Puglia e Molise hanno deciso di riconvocarsi nel prossimo mese per definire le modalità operative con cui deve essere effettuata la valutazione di qualità dei progetti affidata al Segretariato tecnico congiunto.

Ricordiamo che, per questo primo bando,  sono disponibili 75 milioni di euro mentre, complessivamente,  il programma Ipa ha una dotazione complessiva di circa 280 milioni di euro e mira ad armonizzare l’area transfrontaliera adriatica nel nome della cooperazione istituzionale, economica, culturale, turistica, ambientale ed infrastrutturale.

“I lavori sono stati proficui – ha commentato Giovanna Andreola, Autorità di Gestione di Ipa Adriatico e dirigente del Servizio Attività Internazionali della Regione Abruzzo – anche se ci sono ancora delle divergenze fra alcuni Stati circa alcune modalità di valutazione”.

La rappresentante della Commissione europea per il programma Ipa Adriatico, Fausta Corda, ha sottolineato l’importanza dello stesso per lo sviluppo dei territori interessati.