Cerca nel portale

Regioni

Regione Valle D'Aosta Regione  Piemonte Regione Lombardia Regione  Trentino Alto Adige Regione Veneto Regione  Liguria Regione Emilia Romagna Regione Toscana Regione Umbria Regione Marche Regione Lazio Regione  Abruzzo Regione  Basilicata Regione Campania Regione Molise Regione Puglia Regione Calabria Regione Sicilia Regione Friuli Venezia Giulia Regione Sardegna

AREA SOCI

Gect Archimed, Cappellacci eletto alla guida

Attenzione: apre in una nuova finestra. StampaEmail

Il presidente della Regione Sardegna, Ugo Cappellacci, è stato eletto all'unanimità alla guida del Gruppo Europeo di Cooperazione Territoriale (GECT) Archimed, lo strumento giuridico europeo di cooperazione che rappresenta le isole del Mediterraneo. L’organismo, che ha personalità giuridica ed è il primo costituito in Italia, è un mezzo di cooperazione che si pone l’obiettivo primario di promuovere iniziative riguardo alla programmazione dei fondi comunitari, alle strategie transfrontaliere e rappresenta un esempio che anticipa le politiche macro-regionali.

"E' un riconoscimento alla Sardegna - ha dichiarato il presidente - che conduce su tutti i fronti, nazionali ed europei, battaglie importanti per il pieno riconoscimento dell’insularità e che si fa promotrice di azioni concrete innovative in materia di energia e green economy". Proprio l'energia, insieme alle questioni legate agli aiuti di Stato saranno le priorità che saranno assegnate alla Sardegna.

"E’ un impegno complementare - ha aggiunto Cappellacci, recentemente confermato al vertice della Commissione ENVE (Energia, Ambiente e Cambiamenti Climatici) del Comitato delle Regioni UE e a quello della Commissione Isole della CRPM (Conferenza delle Regioni Periferiche e Marittime) - a quello che la Sardegna porta avanti in altri consessi, con la consapevolezza che l’apporto delle regioni insulari allo sviluppo non solo economico, ma anche culturale e sociale dell’Unione Europea, rappresenti un contributo per realizzare quel progetto di Europa dei Popoli voluto dai nostri padri. Per questo la questione-insularità, al centro delle nostre rivendicazioni, deve diventare una delle priorità dell’agenda politica europea".