Cerca nel portale

Regioni

Regione Valle D'Aosta Regione  Piemonte Regione Lombardia Regione  Trentino Alto Adige Regione Veneto Regione  Liguria Regione Emilia Romagna Regione Toscana Regione Umbria Regione Marche Regione Lazio Regione  Abruzzo Regione  Basilicata Regione Campania Regione Molise Regione Puglia Regione Calabria Regione Sicilia Regione Friuli Venezia Giulia Regione Sardegna

AREA SOCI

L’AICS estende il budget per gli enti territoriali, approvati sei nuovi progetti

Attenzione: apre in una nuova finestra. StampaEmail

 

L’AICS ha reso nota la decisione deliberata dal Comitato Congiunto dello scorso 26 ottobre di estendere la dotazione finanziaria dell’avviso Enti territoriali. Lo scorso 15 ottobre era stata pubblicata la graduatoria delle proposte progettuali relative all’Avviso per il finanziamento delle iniziative nei Paesi partner proposte dagli Enti Territoriali. Dei 53 progetti presentati alla scadenza di fine luglio, 12 erano stati finanziati impegnando i 5 milioni a disposizione. Con questa delibera del Comitato Congiunto vengono impegnati ulteriori 1,9 milioni con i quali vengono finanziati sei ulteriori progetti dalla stessa graduatoria.

 

L’estensione della dotazione finanziaria 2017 prevista dalla Delibera n. 65/2017, per ulteriori 1.878.411,81 euro, al netto di euro 98.251,44 residuali rispetto al plafond inizialmente deliberato e pari a 5 milioni di euro, vanno a finanziare sei iniziative idonee in graduatoria presentate da Regione Toscana, Comune di Oristano, Provincia Autonoma di Trento, Comune di Gubbio, Comune di Prato e Comune di Carmagnola.

 

Nella delibera si legge che l’aumento del budget sarebbe dovuto all’elevato - quanto inatteso - numero di iniziative presentate dagli Enti Territoriali a questo primo Avviso e al fine di consentire l’accesso a finanziamento anche alle sei iniziative della Linea “A “ - Lotto Paesi Prioritari - risultate idonee, ossia con un punteggio pari o superiore a 60/100, come risultante dalla suddetta Delibera del Direttore dell’AICS n. 66/2017.

 

Fonte: infocooperazione