Cerca nel portale

Regioni

Regione Valle D'Aosta Regione  Piemonte Regione Lombardia Regione  Trentino Alto Adige Regione Veneto Regione  Liguria Regione Emilia Romagna Regione Toscana Regione Umbria Regione Marche Regione Lazio Regione  Abruzzo Regione  Basilicata Regione Campania Regione Molise Regione Puglia Regione Calabria Regione Sicilia Regione Friuli Venezia Giulia Regione Sardegna

AREA SOCI

Summit nazionale delle diaspore. Esserci, conoscersi, costruire

Attenzione: apre in una nuova finestra. StampaEmail

 

Si è tenuto a Roma il 18 novembre scorso il Summit nazionale delle diaspore. L’obiettivo del progetto è stato quello di alimentare un confronto aperto tra associazioni di migranti, istituzioni e organismi della società civile sulla cooperazione internazionale per giungere a una road map delle diaspore in quanto attore chiave della nuova cooperazione allo sviluppo.

 

Il ruolo delle diaspore è un tema prioritario per l’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo che vuole valorizzare le oltre 2100 associazioni di immigrati, espressioni delle diaspore, che assolvono a una fondamentale funzione di rappresentanza nei confronti delle Istituzioni e anche di mediazione con la società di accoglienza. Le finalità politiche dell’iniziativa riconoscono nelle diaspore un’importante risorsa strategica che può rappresentare un ponte tra i Paesi e le società rivestendo un ruolo chiave nello scambio di risorse economiche, culturali e di conoscenze sociali.

 

“Il summit - ha detto il vice ministro degli Affari esteri Mario Giro - rappresenta una tappa importante verso la conferenza nazionale della cooperazione in programma nel gennaio 2018, che sarà un grande appuntamento che riunirà le associazioni delle diaspore, le Ong e i soggetti istituzionali della cooperazione”.

 

Il summit è stato organizzato dal Consiglio nazionale per la Cooperazione allo sviluppo, con il contributo dell’Agenzia italiana per la Cooperazione allo sviluppo (Aics), la Fondazione for Africa Burkina Faso e la Fondazione Charlemagne, e con l’appoggio di enti locali e organizzazioni della società civile.

 

In allegato: materiale divulgativo dell’incontro