Cerca nel portale

Regioni

Regione Valle D'Aosta Regione  Piemonte Regione Lombardia Regione  Trentino Alto Adige Regione Veneto Regione  Liguria Regione Emilia Romagna Regione Toscana Regione Umbria Regione Marche Regione Lazio Regione  Abruzzo Regione  Basilicata Regione Campania Regione Molise Regione Puglia Regione Calabria Regione Sicilia Regione Friuli Venezia Giulia Regione Sardegna

AREA SOCI

Rapporto Italiani nel Mondo 2016: nel 2015 sono emigrati in 107.529

Attenzione: apre in una nuova finestra. StampaEmail

 

Nel 2015 è aumentata l’emigrazione degli italiani in cerca di lavoro all’estero. Lo rileva il rapporto 'Italiani nel mondo 2016' presentato a Roma dalla Fondazione Migrantes. Sono stati 107.529 nel 2015 e la metà provengono dal Sud Italia.

 

Rispetto al 2014 si sono iscritte all'Anagrafe degli italiani residenti all'estero (Aire) 6.232 persone in più (+6,2%). Il 50,8% dei cittadini italiani iscritti all’AIRE è di origine meridionale (Sud: 1.602.196 e Isole: 842.850), il 33,8% è di origine settentrionale (Nord Ovest: 817.412 e Nord Est: 806.613) e, infine, il 15,4% è originario del Centro Italia (742.092).

 

A livello regionale le percentuali più incisive riguardano Lombardia (+6,5%), Valle d’Aosta (+6,3%), Emilia Romagna (+6,0%) e Veneto (+5,7%).

 

Ad andare via sono soprattutto i giovani tra i 18 e i 34 anni (il 36,7%) e la Germania è la nazione più ricercata.

 

Aumenta così il numero degli italiani residenti all'estero che al primo gennaio del 2016 erano 4.811.163, +3,7% in un anno.

 

Gli italiani residenti all'estero sono più di 4,8 milioni (4.811.163), con una crescita del 3,7% rispetto l'anno precedente (+174.516 unità).

 

Dal 2006 al 2016 la mobilità italiana è aumentata del 54,9%: dieci anni fa i connazionali residenti in terra straniera erano poco più di 3 milioni.

 

Spagna (+155,2%) e Brasile (+151,2%) tra le mete preferite. La metà dei cittadini all'estero (53,8%) risiede in Europa (oltre 2,5 milioni), mentre il 40,6% in America. In valore assoluto, le variazioni più consistenti si registrano, rispettivamente, in Argentina (+28.982), in Brasile (+20.427), nel Regno Unito (+18.706), in Germania (+18.674), in Svizzera (+14.496), in Francia (+11.358), negli Stati Uniti (+6.683) e in Spagna (+6.520).

 

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, commenta: "Talvolta è un segno di impoverimento più che una libera scelta. I giovani devono poter tornare".

 

In allegato: Rapporto Italiani nel Mondo 2016

 

 

Fonte: Regioni.it