Cerca nel portale

Regioni

Regione Valle D'Aosta Regione  Piemonte Regione Lombardia Regione  Trentino Alto Adige Regione Veneto Regione  Liguria Regione Emilia Romagna Regione Toscana Regione Umbria Regione Marche Regione Lazio Regione  Abruzzo Regione  Basilicata Regione Campania Regione Molise Regione Puglia Regione Calabria Regione Sicilia Regione Friuli Venezia Giulia Regione Sardegna

AREA SOCI

Italia in Tunisia: accordi con UNICEF e UNOPS a sostegno di scuole e microimprese

Attenzione: apre in una nuova finestra. StampaEmail

 

La firma di due accordi con agenzie dell’ONU ha preceduto e accompagnato la visita a Tunisi del sottosegretario agli Esteri Enzo Amendola.

 

Un’intesa di partenariato è stata stabilita con l’UNICEF dalla Cooperazione Italiana allo scopo di lottare contro l’abbandono scolastico in Tunisia.

 

Inoltre, l’Ambasciatore d’Italia a Tunisi, Raimondo De Cardona, e la Rappresentante dell’UNOPS per il Nord Africa, Mariacarmen Colitti, alla presenza del Ministro della Formazione Professionale e dell’Impiego, Imed Hammami, e della Rappresentante dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo, Cristina Natoli, hanno firmato un accordo riguardante il finanziamento del progetto “Creazione di microimprese nei Governatorati di Medenine e Tataouine”.

 

L’iniziativa è finanziata dalla Cooperazione italiana con un dono pari a 1.750.000 euro per una durata di 2 anni e mira ad aiutare i giovani e le donne provenienti dalle zone più vulnerabili di queste regioni ad avere accesso al mercato del lavoro e a creare le loro proprie imprese.

 

Il progetto intende sostenere i giovani delle due regioni nella creazione di 40 microimprese, attraverso il rinforzo delle loro capacità imprenditoriali e all’accesso al finanziamento volto ad un maggiore coinvolgimento nelle attività produttive.

 

Amendola, accompagnato dall’Ambasciatore De Cardona, ha incontrato il 6 settembre a Tunisi il Premier Youssef Chahed.

 

L’incontro ha dato il via ad un’intensa due giorni di appuntamenti con diversi Ministri del nuovo Governo tunisino che hanno avuto al centro il rinnovato impegno della Cooperazione Italiana nel Paese e le opportunità di rafforzamento del partenariato bilaterale, con l’obiettivo di individuare comuni risposte alla grave crisi economica della Tunisia.