Cerca nel portale

Regioni

Regione Valle D'Aosta Regione  Piemonte Regione Lombardia Regione  Trentino Alto Adige Regione Veneto Regione  Liguria Regione Emilia Romagna Regione Toscana Regione Umbria Regione Marche Regione Lazio Regione  Abruzzo Regione  Basilicata Regione Campania Regione Molise Regione Puglia Regione Calabria Regione Sicilia Regione Friuli Venezia Giulia Regione Sardegna

AREA SOCI

Palestina. Pannelli solari per sostenere la resilienza dei beduini in Area C

Attenzione: apre in una nuova finestra. StampaEmail

 

Sono stati installati presso la comunità beduina di Zanba in località Za'ayyem, nella delicata area E1 a est di Gerusalemme, dove vivono 129 persone (70% minori), 6 pannelli fotovoltaici collegati a sistemi di refrigerazione e 31 pannelli solari portatili.

 

I 6 pannelli fotovoltaici garantiranno alla comunità, che vive sostanzialmente di allevamento e vendita di prodotti caseari, un accesso continuativo all’elettricità per preservare le proprie fonti di sostentamento tradizionali, mentre gli altri 31 pannelli portatili daranno loro la disponibilità di luce nelle ore notturne.

 

L'iniziativa, del valore di 15.000 euro, è stata realizzata con un contributo in parti uguali da parte della sede AICS di Gerusalemme, mediante fondi in gestione diretta, e della ONG Terre des Hommes.

 

Il progetto intende contribuire a rafforzare la capacità di resilienza di comunità palestinesi in condizioni di fragilità attraverso la fornitura di servizi essenziali e psicosociali a circa duemila persone, di cui circa il 48% di bambini tra i 3 e 10 anni, che vivono in Area C e a Gerusalemme Est, presso le comunità di Wadi Qaddoum, Zaayyem e Sheikh Saad.

 

L’azione, realizzata da Terre des Hommes Italia in stretta collaborazione con 3 scuole pubbliche delle suddette comunità, prevede la realizzazione di otto spazi inclusivi protetti a misura di bambino (Child Friendly Space), facilitando così il benessere psicofisico dei beneficiari; lo svolgimento di attività di sensibilizzazione sulla protezione dei minori e sui rischi a cui sono esposti (sviluppo del bambino, life skills, igiene, pronto soccorso, nutrizione, capacità genitoriali, protezione); la distribuzione di materiale educativo e la fornitura di servizi essenziali (allacciamento a fonti elettriche e idriche; latrine mobili; kit di pronto soccorso; set impermeabili) che possano migliorare le condizioni di vita della comunità in una delle zone più sensibili della Palestina.