Cerca nel portale

Regioni

Regione Valle D'Aosta Regione  Piemonte Regione Lombardia Regione  Trentino Alto Adige Regione Veneto Regione  Liguria Regione Emilia Romagna Regione Toscana Regione Umbria Regione Marche Regione Lazio Regione  Abruzzo Regione  Basilicata Regione Campania Regione Molise Regione Puglia Regione Calabria Regione Sicilia Regione Friuli Venezia Giulia Regione Sardegna

AREA SOCI

Il Comitato congiunto per la Cooperazione allo Sviluppo approva iniziative per 50 milioni di euro

Attenzione: apre in una nuova finestra. StampaEmail

 

Il Vice Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Mario Giro, ha presieduto venerdì 29 luglio la quinta riunione del Comitato congiunto per la Cooperazione allo Sviluppo, l’organo deliberativo della Cooperazione Italiana istituito dalla legge n. 125/2014.

 

Nel corso della riunione, il Comitato ha approvato 18 delibere per un valore pari a circa 50 milioni di Euro, suddivisi tra crediti di aiuto e contributi volontari e destinati a organismi internazionali per la realizzazione di progetti di sviluppo.

 

Sono altresì state illustrate, tra le altre, due note informative: una facente riferimento ai dati dell’Aiuto Pubblico allo Sviluppo per il 2015 e a proiezioni per il 2016; l’altra relativa alla programmazione triennale 2016-2018 sulle future attività di cooperazione allo sviluppo a favore della Tunisia nel prossimo triennio.

 

“Cinque riunioni, 63 iniziative deliberate per un valore di 301 milioni di Euro, in poco più di sei mesi - ha detto il Vice Ministro Giro - rappresentano un segno concreto della vitalità del Comitato, anche grazie all’apporto costante di amministrazioni invitate a partecipare come il Ministero dell’Economia e Finanze, il Ministero dell’Ambiente e Cassa Depositi e Prestiti, chiamato a svolgere un ruolo regia nella realizzazione delle iniziative italiane di Cooperazione allo Sviluppo. La riunione, ha proseguito il Ministro, mostra concretamente la vitalità del nuovo sistema della cooperazione italiana voluto dalla legge 125”.