Cerca nel portale

Regioni

Regione Valle D'Aosta Regione  Piemonte Regione Lombardia Regione  Trentino Alto Adige Regione Veneto Regione  Liguria Regione Emilia Romagna Regione Toscana Regione Umbria Regione Marche Regione Lazio Regione  Abruzzo Regione  Basilicata Regione Campania Regione Molise Regione Puglia Regione Calabria Regione Sicilia Regione Friuli Venezia Giulia Regione Sardegna

AREA SOCI

Ipa adriatico, Chiodi: “positivi risultati già col 1° bando”

Attenzione: apre in una nuova finestra. StampaEmail

Fonte: ANSA

“Nella prima fase la gestione del Programma Ipa Adriatico ha comportato delle difficoltà: ci sono paesi e regioni con culture, filosofie ed esigenze diverse. Alla fine però i risultati sono stati positivi già con il primo bando che nei tre assi strategici promuove cooperazione sociale, economica e coesione con finanziamenti di circa 75 milioni di euro e 33 progetti scelti tra i 133 presentati”. Lo ha detto il presidente della Giunta regionale, Gianni Chiodi, intervenendo al Forum dal titolo ''Il ruolo del programma Ipa Adriatico nelle politiche di cooperazione transfrontaliera dell'Unione Europea'', svoltosi a Pescara.

L'evento, al quale tra gli altri ha partecipato il ministro per gli Affari regionali e delle Politiche di Sviluppo, Raffaele Fitto, ha fatto il punto sulle attività svolte e future del Programma comunitario di Cooperazione transfrontaliero ''Cbc IPA Adriatico'' (2007-2013). ''L'Abruzzo ha avuto una responsabilità enorme sia politica che di gestione; alcune difficoltà, soprattutto con Grecia e Slovenia, sono state superate con la capacità diplomatica – ha continuato Chiodi - D'altra parte l'Abruzzo ha esperienza ed autorevolezza essendo stata l'unica Regione che ha gestito due programmi di cooperazione transfrontaliera, prima Interreg, ora Ipa Adriatico, al quale sono coinvolti otto stati ed otto regioni''.

Chiodi ha sottolineato che l'Abruzzo vuole continuare a svolgere un ruolo importante nella ricerca, nell'innovazione, nella cooperazione economica e sociale, nelle risorse umane e naturali e nella prevenzione di rischi. Nel ricordare il ruolo di Ipa nell'accompagnamento dei Paesi in pre-adesione, rispetto al futuro, il presidente ha spiegato che la prospettiva non può che essere nella creazione della macroregione adriatica: ''Lo sviluppo passa per aree più vaste, non su micro-territori. Non si è capito che bisogna anticipare gli scenari nuovi, l'Abruzzo l'ha capito e sta proponendo le novità”.