Cerca nel portale

Regioni

Regione Valle D'Aosta Regione  Piemonte Regione Lombardia Regione  Trentino Alto Adige Regione Veneto Regione  Liguria Regione Emilia Romagna Regione Toscana Regione Umbria Regione Marche Regione Lazio Regione  Abruzzo Regione  Basilicata Regione Campania Regione Molise Regione Puglia Regione Calabria Regione Sicilia Regione Friuli Venezia Giulia Regione Sardegna

AREA SOCI

Italia:1° donatore nella campagna vaccinazione contro lo pneumococco

Attenzione: apre in una nuova finestra. StampaEmail

Fonte: Il Velino

La leadership dell’Italia ha reso possibile lo sviluppo di un nuovo vaccino che salverà la vita a 700 mila bambini entro il 2015, e che viene introdotto per la prima volta a livello globale in Kenya. Il medicinale contro lo pneumococco proteggerà i piccoli dal principale killer mondiale di bambini, la polmonite, che ogni anno miete circa 750 mila vittime con meno di cinque anni nella sola Africa. I vaccini contro lo pneumococco sono disponibili nel mondo occidentale già dal 2001, ma fino all’avvento di un meccanismo innovativo di finanziamento denominato Advance market commitment (Amc), nessuna casa farmaceutica produceva vaccini efficaci contro i sierotipi presenti nei paesi in via di sviluppo. L’iniziativa Amc, lanciata nel 2007 a Roma, vede il ministero dell’Economia italiano in coordinamento con la direzione generale per la Cooperazione allo sviluppo (Dgcs) della Farnesina come principale donatore, con un contributo di 635 milioni di dollari. A seguire c’è la Gran Bretagna (485 milioni), Canada (200 milioni), Russia (80 milioni), Norvegia e Fondazione Gates (50 milioni ciascuno). Scopo dell’iniziativa è di accelerare la disponibilità di vaccini efficaci, e a un prezzo accessibile, per i bambini dei paesi in via di sviluppo, dove l’incidenza della malattia è maggiore.

“Grazie all’Amc questi vaccini vengono resi accessibili ai bambini poveri del mondo in tempo record, solo un anno dopo la loro introduzione in Europa e negli Stati Uniti, e a un prezzo che equivale ad appena il dieci per cento di quello praticato nei paesi industrializzati”, ha affermato Helen Evans, CEO ad interim della Gavi Alliance (Alleanza globale per i vaccini e l’immunizzazione). “Questo vaccino è stato concepito per essere rispondente ai bisogni dei paesi in via di sviluppo, e salverà milioni di vite di bambini”, ha proseguito la Evans, notando come la vaccinazione su larga scala sia uno degli investimenti di salute pubblica a costi contenuti con maggior ritorno. Questo lunedì il farmaco è stato somministrato a centinaia di bambini kenioti nel corso di un evento speciale che ha segnato l’inizio della loro distribuzione. Il nuovo vaccino contro lo pneumococco difende dai sierotipi maggiormente prevalenti nel Sud del mondo, e può prevenire tra il 70 e l’88 per cento della malattia da pneumococco nei bambini.

I primi paesi nei quali il vaccino contro lo pneumococco sarà introdotto a regime nel protocollo nazionale di immunizzazione sono il Nicaragua, la Guyana, la Sierra Leone, lo Yemen, il Kenya, il Mali, la Repubblica Democratica del Congo e l’Honduras. Nei prossimi anni, inoltre, la Gavi si propone di raggiungere l’obiettivo di introdurre il vaccino in più di 40 paesi poveri: ciò permetterà di prevenire circa 700 mila decessi entro il 2015, e fino a sette milioni entro il 2030. La Gavi Alliance ha lanciato una campagna di finanziamento che mira a raccogliere 3,7 miliardi di dollari tra il 2011 e il 2015. L’introduzione di questo nuovo vaccino è un contributo decisivo al raggiungimento dell’Obiettivo di Sviluppo del Millennio numero quattro (riduzione di due terzi della mortalità dei bambini sotto i cinque anni).

La Gavi Alliance è una partnership globale con soggetti pubblici e privati impegnata a diffondere su scala mondiale l’uso dei vaccini allo scopo primario di salvare la vita dei bambini e tutelare la salute delle persone. L’Alleanza comprende i governi dei paesi in via di sviluppo e dei paesi donatori, l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), l’Unicef (l’agenzia Onu per i bambini), la Banca Mondiale, le case farmaceutiche produttrici di vaccini, gli enti e gli istituti di ricerca, la società civile, la Bill & Melinda Gates Foundation e la filantropia privata. Il sostegno della Gavi ai paesi rende disponibili vaccini salvavita e fondi per il rafforzamento dei sistemi sanitari. Nei suoi primi dieci anni di attività, l’attività dell’Alleanza ha permesso l’immunizzazione di più di 288 milioni di bambini, prevenendo più di cinque milioni di morti prematuri.