Cerca nel portale

Regioni

Regione Valle D'Aosta Regione  Piemonte Regione Lombardia Regione  Trentino Alto Adige Regione Veneto Regione  Liguria Regione Emilia Romagna Regione Toscana Regione Umbria Regione Marche Regione Lazio Regione  Abruzzo Regione  Basilicata Regione Campania Regione Molise Regione Puglia Regione Calabria Regione Sicilia Regione Friuli Venezia Giulia Regione Sardegna

AREA SOCI

La Commissione lancia la call Life 2018

Attention: open in a new window. PrintEmail

 

Dal 18 aprile 2018 è online l’avviso per la presentazione di progetti nell’ambito del Programma per l’ambiente dell’Unione europea a gestione diretta, LIFE 2018.

 

L’avviso riguarda entrambi i “sottoprogrammi” dello strumento LIFE, “Ambiente” e “Azioni per il clima”, che l’Unione propone di sostenere tramite l’erogazione di “action grants”, finanziamenti a fondo perduto.

 

Relativamente al sottoprogramma Ambiente, il bando chiede proposte finanziabili per i cosiddetti progetti tradizionali, categoria bruxellese che comprende i progetti pilota, quelli dimostrativi e le attività correlate alla politica ambientale di buone pratiche, informazione e sensibilizzazione.

 

Importanti innovazioni? Sì, ma solo procedurali e limitatamente al sottoprogramma Ambiente, dove è introdotta la formula a due fasi, peraltro comune a molte altre linee a “gestione diretta”: prima una breve scheda di presentazione (tradizionalmente: “concept note”) poi la “full application”, nel caso la prima fase abbia ricevuto un parere positivo.

 

L’approvazione del finanziamento dipende comunque dalla valutazione della full application. E’ necessario porre la massima attenzione a come viene affrontata la nuova procedura a due fasi, poiché il tradizionale “concept note” è la sola prima pagina delle stesse Linee guida che verranno applicate per il prosieguo della procedura.

 

Tutta la procedura è gestita online all’indirizzo: https://webgate.ec.europa.eu/eproposalWeb/

 

La prima fase del sottoprogramma Ambiente ha due scadenze, a seconda delle priorità/aree individuate: il 12 giugno 2018 per “Ambiente e uso efficiente delle risorse”; 14 giugno 2018 per le rimanenti aree, “Natura e biodiversità” e “Governance e informazione”.

 

Il secondo sottoprogramma “Azione per il clima” conferma la procedura ad una sola e più complicata fase (si presenta direttamente la full application), ma in questo caso la presentazione delle proposte scade il 12 settembre 2018.

 

Il contributo percentuale dell’UE varia dal 55% al 75%, in base al sottoprogramma interessato e peserà sul finanziamento complessivo a disposizione di 397 milioni di euro, di cui 317 milioni per Ambiente e 80 por Azioni per il clima. 28 i paesi eleggibili, pedissequamente corrispondenti ai membri dell’Unione, compreso il Regno Unito.